Condividi con i tuoi amici...

Peso sullo stomaco: si può rimuovere con la riflessologia del piede

di Daniela Roccatello

peso sullo stomaco

Il cambiamento di clima è prossimo! I cellulari, le previsioni del tempo e quant’altro ce lo raccontano dal mondo fuori, ma anche senza queste notizie, esiste un luogo dentro di noi che, se in difficoltà, prevede e segnala puntualmente che arriva una nuova stagione. Per rendersi conto che sta cambiando il clima, noi, “i professionisti della Riflessologia del Piede”, non abbiamo bisogno di guardare il calendario perché, in questi periodi, puntualmente, arrivano in studio molte persone che accusano lo stesso problema: “Che mal di stomaco! Ho la gastrite! Mangio e mi gonfio! Sento un peso sullo stomaco! Ho nausea! Di notte brucia la gola per il reflusso gastro-esofageo, ecc.” In sintesi, manifestazioni con cause diverse di un unico problema: non riescono a digerire bene, almeno a livello stomaco che è solo una parte di tutto il processo digestivo che inizia dalla bocca e termina nel colon.

Stomaco ed intestino centro del nostro benessere

La salute dipende essenzialmente da tre fasi:

  • Ciò che mettiamo dentro come nutrimento (cibo)
  • La capacità di trasformazione (digestione)
  • Ciò che eliminiamo (l’intestino elimina i materiale di scarto)

Stomaco ed intestino hanno il quotidiano sacro compito di trasformare completamente tutto il cibo che mangiamo al fine di renderlo adatto per essere nutrimento del sangue, del cervello, delle ossa e tanto ancora.

Se nello stomaco (transito) e/o negli intestini (eliminazione), questa trasformazione del cibo non riesce a compiersi in modo corretto, questo intruso si rivelerà un nemico, un veleno la cui tossicità ci renderà confusi nel pensare e pesanti nel corpo e provocherà delle sofferenze vere e proprie all’interno dello stomaco e/o della mucosa gastrica.

Pesantezza di stomaco: i rimedi dalla riflessologia del piede

Senso di nausea, senso di vomito, dolore alla bocca dello stomaco, peso sullo stomaco, bruciore, stomaco gonfio e duro e tensione addominale sono tutti fastidi e problemi di salute ai quali si può porre rimedio attraverso trattamenti di riflessologia plantare. Il riflessologo, guardando la morfologia dei piedi (le forme, i calli, le callosità, i gonfiori, le rughe e i solchi, il colore, il calore, l’odore e quant’altro) sarà in grado di capire da dove parte il problema e come massaggiare le aree e/o i punti riflessi che possono aiutare a risanare.

Un caso clinico: il peso sullo stomaco di Anna

Leggendo i piedi di Anna ho riscontrato che sia il secondo dito del piede destro che del piede sinistro erano più lunghi degli alluci. Questo significa che lo stomaco, che da un punto di vista psicosomatico corrisponde al secondo dito, per nascita, tende ad avere una digestione più lunga e di conseguenza il cibo resta troppo tempo nello stomaco, più di due ore.

Inizio il trattamento con un massaggio veloce e leggero, prima sul piede sinistro (parte alta e centrale dello stomaco) e poi sul piede destro (parte centrale e bassa dello stomaco) per accelerare il processo metabolico di transito. In questo modo sto trattando la sofferenza, il dolore, più a livello organico.
Successivamente ho massaggiato, sempre in modo leggero, lungo il percorso del meridiano di agopuntura dello Stomaco che si trova dorsalmente nello spazio infraosseo del 2° e 3° metatarso di entrambi i piedi. Qui sto lavorando più sull’aspetto energetico /emozionale, come insegna la Medicina Tradizionale Cinese.

A mano a mano che massaggiavo sentivo che lo stomaco di Anna cominciava a “gorgogliare” a “muoversi” per dirla in maniera meno popolare , sono riuscita a migliorare il movimento peristaltico dello stomaco permettendo così al “masso” di frantumarsi e scendere più rapidamente nell’intestino, che aspettava assonnato e annoiato, di iniziare a fare il suo lavoro di eliminazione per completare la digestione in modo corretto.

Ho terminato il trattamento lavorando, per via riflessa, il percorso organico del colon affinché, si attivasse bene al fine di eliminare il materiale di scarto in maniera normale. Con Anna ci siamo viste altre quattro volte e lei mi racconta che per ora il suo sassone lo percepisce come un sassolino e …ringrazia.

Una vita sottopressione e lo stomaco

Quando siamo costretti a ritmi troppo pressanti: l’aggressività di altri, relazioni che “ci tolgono il fiato”, essere continuamente giudicati sul nostro modo di essere; se la reazione a tutto questo è “Essere Continuamente Preoccupati”, questa è l’emozione che attacca, colpisce, indebolisce lo stomaco.

Questo essere perennemente preoccupati, ci costringe a muoverci in modo sempre più ansioso. Più ci muoviamo freneticamente fuori, più i nostri ritmi interni rallentano, al fine di compensare lo stress quotidiano, in questo caso, appunto lo stomaco tende a lavorare più lentamente provocando i disturbi di cui vi ho accennato.

Pesantezza di stomaco: un rimedio pronto intervento

Pronto intervento con la riflessologia del piede. Se sono solo e mi viene un dolore allo stomaco, intanto che trovo un aiuto, mi siedo, con il pollice premo con forza l’area riflessa dello stomaco sia sul piede destro che su quello sinistro.

NON massaggio, ma tengo premuto sull’area riflessa fino a quando sento che nel piede pian piano il dolore che ho causato con la pressione diminuisce e certamente anche nel corpo il dolore si attenua. A questo punto, pian piano rilascio la pressione sulla zona riflessa e poi ripeto l’operazione per qualche volta.

Aiuta! non ha controindicazioni e si chiama… automassaggio.