Condividi con i tuoi amici...

I piedi trasformano il pensiero in azione: muoversi verso il proprio destino

di Daniela Roccatello

piedi

La riflessologia è la proiezione completa di tutto il corpo su una piccola parte di esso e oggi scopriremo la sua stretta relazione col destino della persona

Perchè i piedi come aiuto al benessere

Sui piedi appoggiamo tutto il nostro corpo: una contrazione in alto a volte viene registrata in basso (piedi) prima ancora che il sintomo, il dolore e di conseguenza la sofferenza vera e propria si manifesti.

Questa situazione è possibile perché la posizione eretta permette di segnalare nei piedi contrazioni neuro-tendino-muscolari del corpo, apportando nei piedi stessi delle modifiche rispetto a piedi ideali, che per noi riflessologi, sono elementi di lettura fondamentali al fine di ottenere indicazioni su come massaggiare.

Il calcagno: l’osso che qualifica l’essere umano

calcagno

Camminare eretti è una facoltà esclusiva dell’uomo resa possibile dal calcagno e dalla curvatura della pianta del piede.
Ad eccezione dell’uomo, nessun altro essere vivente possiede il calcagno.

Il calcagno è il primo osso che tocca il suolo terrestre.

QUESTO RAPPORTO PRIORITARIO E CONTINUO CON LA “MADRE TERRA” TROVA UNA STRETTA RELAZIONE CON LA SESSUALITA’ e LA FECONDITA’

Va ricordato che la muscolatura che riveste il calcagno viene chiamata TALLONE.

Quanto è grande il tallone rispetto a tutto il resto del piede?
E’ molto duro?
E‘ troppo molle?
Ha grosse callosità?
Presenta solchi/rughe profondi?

Il destino

Le mani e le braccia sono l’estroflessione del torace (cuore-polmoni-respiro) Si girano completamente: siamo liberi in tutte le direzioni.
I piedi e le gambe sono l’estroflessione del bacino. Hanno un limite nel movimento, non possono girare oltre un certo punto (lateralità), siamo molto meno liberi
La libertà può essere conquistata nel pensiero, negli ideali, in tutto ciò che vive nella testa.
Il destino, inteso come l’incontro con l’altro o con qualcosa che ci viene incontro inaspettatamente (situazioni – eventi), non possiamo evitarlo.
Di conseguenza:
”PIEDI significa anche movimento, andare verso qualcuno o qualcosa: INCONTRARE IL PROPRIO DESTINO”

Muoversi per trasformare un’idea , una decisione in azione

I nostri piedi ci conducono verso gli incontri e le situazioni a noi destinati: in questo aspetto della nostra vita noi NON SIAMO LIBERI
Viceversa
Nelle diverse modalità di accettare, vivere e modificare il rapporto tra noi e questi incontri di destino: qui possiamo agire in modo più libero

Il destino e le patologie del piede

Grazie alla capacità di leggere attraverso l’analisi dei piedi le sofferenze del corpo, noi ci rendiamo conto di quante volte un destino non scelto liberamente, o non riconosciuto come proprio, provochi sofferenze, non solo a livello psicofisico nel corpo, ma anche nei piedi stessi: CALLI, GONFIORI, ALLUCE VALGO, TENDINITI, TALLONITI: quanto c’è in queste patologie specifiche dei piedi di problematiche esclusivamente legata alla morfologia dei piedi stessi: NULLA

La riflessologia del piede e la sua efficacia

Massaggiare i piedi dorsalmente e lateralmente permette alle persone di riconoscere e liberare emozioni e sentimenti negativi che spesso sono di impedimento al compiersi del proprio destino in modo che l’idea, l’intenzione diventi azione. Massaggiare la pianta dei piedi aiuta a risanare organi e visceri che essendo essi stessi sede di emozioni e qualità animiche potrebbero essere bloccati nel loro giusto funzionamento per paure non risolte, mancanza di coraggio, traumi da dispiaceri, rifiuto della propria quotidianità

Conclusione

In conclusione, agendo dal basso attraverso la riflessologia del piede abbiamo una possibilità di riconoscere quale progetto di vita ci appartiene veramente al di là dei nostri progetti
Conoscersi più a fondo per riconoscere il proprio destino al fine di muoversi in armonia con esso.